Lo stigma nei confronti dell’obesità e del peso corporeo è un fenomeno che sembra essere estremamente diffuso, il quale può inficiare la terapia per l’obesità ed anche compromettere in vario modo la qualità di vita e la prospettiva terapeutica di chi lo subisce.
Lo stigma, parola che indicativamente si può tradurre come “pregiudizio”, rappresenta quel processo per cui il Paziente con obesità, colpevolizzato per il fatto di non essere in grado di controllarsi e di prendersi cura di se stesso, viene ingiustificatamente etichettato con attributi spregiativi conseguenti: pigro, svogliato, privo di qualsiasi forza di volontà, goloso, lento, incapace di raggiungere un obiettivo. Questa valutazione sottende una profonda ignoranza della condizione medica di obesità, oggi riconosciuta come patologia cronica, da trattarsi a livello specialistico con una gestione continuativa che possa permettere la corretta gestione della condizione stessa.

Lo stigma, studiato sempre meglio da vari anni, si può manifestare in vari ambiti della vita della persona: ad esempio a livello familiare, scolastico, lavorativo, relazionale, sanitario.
Esso può contribuire all’espressione di comportamenti come l’isolamento sociale, l’evitamento delle cure sanitarie, la riduzione del livello di attività fisica, portando a volte all’aumento ulteriore di peso e compromettendo il raggiungimento di cambiamenti comportamentali salutari.
Talora lo stigma potrebbe essere, secondo alcuni Autori, anche una possibile causa dell’innescarsi di episodi di abbuffata, con perdite di controllo. In generale, comunque, lo stigma può peggiorare drammaticamente la qualità di vita della persona con obesità, in modo ancor più marcato nelle donne e nei bambini e adolescenti.

Alcuni dati presenti in Letteratura indicano che lo stigma nei confronti dell’obesità e del peso corporeo diventa un fattore in grado da solo di determinare conseguenze negative per la salute e comportamenti che andranno anche a promuovere e peggiorare la condizione di obesità.
Paradossalmente, quindi, proprio lo stigma aumenta il rischio stesso di sviluppare la condizione di obesità, mentre ancora qualcuno ritiene che richiamare o addirittura sgridare una persona con un eccesso ponderale, con un senso di vergogna per la situazione, possa avere un ruolo motivazionale. In prospettiva, invece, lo stigma si mette in relazione ad un aumento della condizione, della mortalità e di altre complicanze mediche.

Per quanto riguarda l’ambiente medico, si osserva che a volte anche gli operatori sanitari mettono in atto attitudini fortemente negative e stereotipi nei confronti dei Pazienti con obesità. Tali atteggiamenti influenzano il comportamento interpersonale di chi viene giudicato ed anche la sua capacità decisionale, oltre a creare un impatto negativo sulla qualità ed esito delle cure. A sua volta, l’esperienza di cure di scarsa qualità o l’aspettativa di terapie non ottimali possono causare distress ed emozioni negative, con conseguente evitamento delle cure, diffidenza verso i medici e scarsa aderenza alla terapia da parte dei Pazienti con obesità, con un ulteriore potenziale peggioramento della cronicità.
E’ necessario pertanto eliminare i cosiddetti “anti-fat bias” espressi dal personale sanitario, per colpa dei quali i Pazienti con obesità rischiano di ricevere cure più scadenti con peggiori risultati terapeutici.

Lo stigma nei confronti dell’obesità si associa a risultati negativi a livello fisico e psicologico, soprattutto se ripetutamente subito e anche in base alla sensibilità e ad altre caratteristiche personali della persona. In generale, esso si può associare ad un aumentato rischio di obesità grave, diabete e sindrome metabolica, aumento del livello di cortisolo, stress ossidativo e aumento degli indici di infiammazione, depressione, ansia, insoddisfazione per la propria immagine corporea, compromissione dell’autostima.

Dal momento che questo stigma può riflettersi in una vera e propria discriminazione della persona con obesità a livello lavorativo, educativo, sanitario, con possibile peggioramento delle condizioni fisiche e psicologiche, esso in conclusione danneggia la salute di chi lo subisce, mina i diritti della persona e si rivela inaccettabile in una società moderna.
Per questi motivi è stato recentemente creato un documento di consenso da parte di un gruppo multidisciplinare di esperti, comprendente anche revisori e rappresentanti di organizzazioni scientifiche, per poter contribuire all’eliminazione di questo pregiudizio nei confronti del peso.
Sono auspicabili iniziative sociali, educative, istituzionali volte ad informare la popolazione generale sul tema e ad eliminare questo stigma, assieme alle sue conseguenze negative.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:

  • Arora M et al., Stigma and obesity: the crux of the matter, Lancet Public Health 2019 Nov;4(11):e549-e550
  • Brewis A et al., Obesity stigma as a globalizing health challenge, Global Health 2018 Feb 13;14(1):20
  • Brewis A, Stigma and the perpetuation of obesity, Soc Sci Med. 2014 Oct;118:152-8
  • Papadopoulos S and Brennan L, Correlates of weight stigma in adults with overweight and obesity: A systematic literature review, Obesity 2015 Sep;23(9):1743-60
  • Phelan SM et al., Impact of weight bias and stigma on quality of care and outcomes for patients with obesity, Obes Rev. 2015 Apr;16(4):319-26
  • Pont Stephen J et al., Stigma Experienced by Children and Adolescents With Obesity, Pediatrics 2017 Dec;140(6):e20173034
  • Puhl R and Suh Y, Health Consequences of Weight Stigma: Implications for Obesity Prevention and Treatment, Curr Obes Rep. 2015 Jun;4(2):182-90
  • Rubino F et al., Joint international consensus statement for ending stigma of obesity, Nat Med 2020 Apr;26(4):485-497
  • Tomiyama A Janet et al., How and why weight stigma drives the obesity ‘epidemic’ and harms health, BMC Med 2018 Aug 15;16(1):123
  • Wu Ya-Ke and Berry CD, Impact of weight stigma on physiological and psychological health outcomes for overweight and obese adults: A systematic review, J Adv Nurs 2018 May;74(5):1030-1042