Il termine “nutrizione” indica “il complesso dei processi biologici che consentono o condizionano la conservazione, l’accrescimento, lo sviluppo dell’organismo vivente e la reintegrazione delle perdite materiali ed energetiche che accompagnano le diverse attività funzionali” (Fonte: Treccani).

Da ciò si deduce che ciò di cui ci nutriamo risulta fondamentale per il nostro corpo, al fine di preservare la salute cellulare, il corretto metabolismo energetico e le funzioni del nostro organismo.

Ogni individuo richiede un’impostazione nutrizionale diversa, sulla base di fabbisogni specifici legati ad età, stato di benessere ed eventuale presenza di patologie, livello di attività fisica ed altri fattori.
L’impostazione di un corretto regime nutrizionale non si può quindi ridurre (solo) al conteggio delle calorie o della quantità di nutrienti da assumere, bensì richiede una personalizzazione assai più approfondita e soprattutto una selezione qualitativa dei cibi che si assumono.

Ciò che sostengo è la creazione di un rapporto di fiducia con il paziente, per mezzo del quale fornire consigli e piani nutrizionali altamente personalizzati all’interno di un percorso condiviso.
L’obiettivo principale è quello di sensibilizzare ad una corretta educazione nutrizionale, valida e fondamentale per il benessere e il corretto stato di salute in tutte le età della vita. In questo modo, quanto appreso durante i mesi di percorso nutrizionale diventerà un bagaglio di conoscenze corrette da mantenere poi in modo autonomo nel lungo termine.

Il mio interesse, quindi, non è solo quello di fornire una “dieta per dimagrire” oppure per “controllare un determinato sintomo”. Il mio impegno si pone nel fornire alla persona una solida educazione sulla corretta alimentazione e soprattutto sull’importanza di uno stile di vita sana come strumento di prevenzione essenziale.
Gli effetti di un programma nutrizionale, quindi, non vanno valutati solo in funzione dell’andamento del peso corporeo, ma anche – e soprattutto – in base al benessere generale del paziente e al benessere dell’apparato gastrointestinale. Inoltre, il vero effetto di un programma di dimagrimento non si valuta nell’immediato ma dopo molto tempo e il peso raggiunto si può mantenere solamente se la persona ha acquisito competenze nutrizionali per poter proseguire in autonomia le corrette abitudini impostate, “libera” da una tabella precompilata!

Non condivido e condanno fortemente approcci dietetici di “dimagrimento veloce” mirati alla restrizione calorica improvvisa non gestita in modo professionale e/o all’impostazione iperproteica con restrizione marcata dell’introito di carboidrati, che possono avere effetti deleteri. La mia prima attenzione va alla salute e all’impostazione di un programma personalizzato sano e fisiologico. Se un aumento di peso si è verificato nel corso di mesi o anni, ad esempio, la perdita della massa grassa in più non può avvenire in pochi giorni.

Sulla base delle diverse esigenze è spesso consigliabile anche, in alcuni momenti, associare alla dieta un’integrazione personalizzata, costituita esclusivamente da prodotti altamente naturali, secondo i canoni della cosiddetta “Nutraceutica“, sulla base di evidenze di qualità.

Nella presa in carico della persona valuto in alcuni casi anche l’assetto del cosiddetto “Microbioma intestinale“, il quale riveste importanza e ruolo in molte affezioni e che, una volta escluse altre cause, potrebbe essere un determinante alla base di alcuni disturbi della sfera digestiva (irregolarità nell’alvo – diarrea, stipsi, difficoltà digestive, pesantezza, gonfiore addominale) oltre che di alcuni disturbi aspecifici (stanchezza cronica, dolori diffusi, cefalea, problematiche metaboliche e altro). Gli studi in proposito sono in forte aumento da qualche anno e nuove evidenze sono attese.

Mi occupo anche dell’impostazione di menù per asili nido e scuole dell’infanzia.

Alcuni esempi di situazioni in cui è possibile impostare un corretto regime nutrizionale sono i seguenti: sostegno allo stato di salute, raggiungimento e mantenimento del peso ideale, nutrizione nel bambino e nell’adolescente, nutrizione vegetariana, nutrizione in gravidanza, allattamento, menopausa, nutrizione in condizioni patologiche (diabete mellito o ridotta tolleranza al glucosio (IGT), ipertensione arteriosa, dislipidemie (alterazioni del profilo lipidico: colesterolo, trigliceridi), steatosi epatica, allergie o intolleranze alimentari documentate, celiachia, patologie della tiroide, gastrite, reflusso gastroesofageo, dispepsia, sindrome del colon irritabile, osteopenia e osteoporosi, problemi di fertilità, sindrome dell’ovaio policistico, patologie dermatologiche (eczemi, psoriasi, dermatiti), patologie reumatologiche o autoimmuni, eccetera), dieta low fodmaps e altro.


Mi occupo anche di NUTRIZIONE DELLO SPORTIVO: l’allenamento, soprattutto se a livelli elevati o agonistici, perde gran parte del proprio valore se non associato ad un regime nutrizionale più che adeguato.

La nutrizione dell’atleta deve essere impostata in modo preciso, a seconda di età, condizioni generali e tipo e livello di attività fisica. Sport di resistenza avranno bisogno di fabbisogni nutrizionali totalmente differenti rispetto ad attività caratterizzate da movimenti brevi ed esplosivi e uno stesso regime alimentare non va bene per persone diverse.
In ogni caso vanno banditi integratori o altre sostanze non salutari e spesso di comune utilizzo da parte di persone che praticano sport, andando quando necessario ad integrare solamente con prodotti altamente naturali e selezionati. Allo stesso modo non sostengo il ricorso a regimi fortemente iperproteici e in particolare che comprendano un consumo di carne esagerato ben oltre le soglie ritenute corrette dalla comunità scientifica.
Assieme alla corretta nutrizione vanno valutati e rispettati poi i corretti tempi di recupero, da valutare anch’essi in modo altamente personalizzato e i quali aumentano con l’avanzare degli anni.

 



Come si svolge una prima visita?

Una prima visita dura circa 60 minuti.

In questa occasione vanno eseguiti:

  • Valutazione bioimpedenziometrica, con misurazione e interpretazione dei seguenti valori: peso, BMI (body mass index), massa magra, massa grassa, metabolismo basale, grasso viscerale
  • Valutazione delle abitudini alimentari (è consigliato compilare un diario alimentare nei 7/14 giorni che precedono la visita)
  • Valutazione del tipo e livello di attività fisica svolta; eventuale indicazione sul tipo di attività motoria consigliata
  • Lettura ed interpretazione di analisi ematochimiche recenti (non antecedenti a 3/6 mesi) ed eventuale prescrizione di ulteriori analisi di controllo
  • Anamnesi patologica prossima e remota che valuta la presenza o meno di patologie, assunzione di farmaci, eventuale prescrizione di esami di controllo se necessari
  • Indicazioni, in alcuni casi, per l’esecuzione di esami specifici del sangue o delle feci, riguardanti allergie alimentari, carenze micronutrizionali o assetto del microbioma intestinale

A seguito della prima visita il paziente riceve entro 5 GIORNI LAVORATIVI:

  • Piano nutrizionale personalizzato e creato manualmente per il singolo caso, della durata variabile a seconda del caso specifico
  • Prescrizione di un’integrazione nutrizionale se indicata, o di terapia farmacologica quando necessaria, spesso in collaborazione con altri Colleghi specialisti o di Medicina Generale

Essendo un Medico, possiedo completa autonomia nell’esecuzione di anamnesi, esame obiettivo, valutazione, prescrizione di accertamenti ematochimici e/o strumentali e relativa interpretazione, diagnosi e terapia e spesso collaboro con altri Colleghi Specialisti nella presa in carico di un Paziente.

Esistono altre figure professionali che si occupano di nutrizione umana ma che non hanno equivalenti competenze e, in particolare, non possono seguire in maniera autonoma pazienti con condizioni patologiche o effettuare una nuova diagnosi, prescrivere loro una particolare dieta, eseguire una visita medica completa, leggere e prescrivere analisi e altri accertamenti qualora necessari. Invito quindi ogni persona a selezionare con attenzione in professionista a cui rivolgersi, in quanto talvolta si possono manifestare situazioni di vero e proprio abuso di professione.

Le visite di controllo si svolgono ogni 1-3 mesi e per una durata di qualche mese a seconda delle necessità individuali. 
Un controllo va eseguito al massimo entro 6 mesi dalla data della prima visita o del precedente controllo.

Infine, poiché a volte in caso di obesità il rispetto di un piano nutrizionale nel tempo è difficoltosa, collaboro con la Psicologa dott.ssa Sarah Carcereri nella sede di Villafranca per impostare PERCORSI MOTIVAZIONALI MULTIDISCIPLINARI PER IL CONTROLLO DEL PESO CORPOREO, strutturati sulla terapia cognitivo-comportamentale (CBT).
La durata e le modalità del programma (v. «Documenti scaricabili» in calce) sono anche in questo caso individualizzati sulla base delle necessità e richieste della singola persona.


Documenti scaricabili:

CONSIGLI BASE ALIMENTAZIONE

Stagionalità di frutta e verdura

Idee per centrifughe & estratti

Idee per cucinare con la vaporiera

Servizio di NUTRIZIONE E DIETETICA c/o Ambulatorio Tethys a Verona

Percorsi motivazionali per il controllo del peso – Studio Salute Villafranca